top of page
festival2.jpg

FORUM

Un ricco programma di conferenze, convegni e seminari, laboratori formativi e presentazioni di casi di successo, sui temi dell’Unione Europa, delle sue politiche, dei fondi a disposizione grazie al Bilancio pluriennale 2021-2027 e a NextGenerationEU.



 
GIOVEDÌ 4 APRILE 2024

10:00 › 12:30 • Conferenza di apertura › "NextGenerationEU: le nuove generazioni per l'Europa del futuro" [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

NextGenerationEU è entrato nel lessico comune per indicare il piano di ripresa dell’Unione Europea voluto in seguito alla pandemia Covid-19. Il Bilancio pluriennale 2021-2027 e il Piano di ripresa e resilienza rappresentano una risposta senza precedenti che l’Unione ha voluto fornire a supporto degli Stati membri, delle loro comunità, dei loro territori. NextGenerationEU rimanda però anche al ruolo che le giovani generazioni hanno nella costruzione di tale futuro, alle possibilità che l’Unione Europea offre loro per essere cittadini informati, aperti, responsabili, capaci di analizzare in maniera critica i fenomeni e portare avanti cambiamenti per una società democratica, pacifica, sostenibile e aperta. Sui valori della cittadinanza europea, sul coinvolgimento attivo dei giovani, sulle opportunità che l’Unione Europa offre ne parlano gli studenti italiani ed europei dello AEHT Youth Parliament 2024.


[ in italiano e inglese ]


14:00 › 16:00 • Tavola rotonda › "Le 5 parole dell'Europa": il lessico delle nuove generazioni — Fondazione Treccani Cultura • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa] 

Pace, democrazia, libertà, giustizia, multilinguismo (o plurilinguismo). Sono solo alcune delle parole che rimandano all’idea e ai valori dell’Unione Europa. Spesso però queste parole sono confuse, fraintese, strumentalizzate. Diventa pertanto importante, in una società in cui le parole circolano vorticosamente, in cui sono triturate e sminuzzate nei vari linguaggi digitali e multimediali, in cui non hanno più peso e senso, prestare particolare attenzione al loro valore. Le parole sono mezzo di espressione e di ragionamento, di condivisione e rispettoso confronto tra le diverse posizioni. Un uso consapevole delle parole può aiutarci a cambiare il mondo, a ricordare il passato, a costruire un futuro nuovo. Ne parlano, con gli studenti e i giovani: 



Michele Ainis è professore emerito di Istituzioni di diritto pubblico nell’università di Roma Tre. Dal 2016 al 2023 è stato membro dell’Autorità Antitrust. Ha partecipato a varie commissioni ministeriali di studio, fra le quali (nel 2013) la Commissione per le riforme costituzionali. È editorialista di «Repubblica», nonché autore di oltre trenta volumi e circa centocinquanta saggi scientifici. Ha pubblicato anche tre romanzi. Il suo ultimo libro è Capocrazia (2024).





Massimo Bray è direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani dal 2015, dopo esserne stato direttore editoriale (1994-2013) e responsabile della sezione di Storia moderna (dal 1991). È stato presidente della Fondazione La Notte della Taranta, fino alla nomina a ministro per i Beni, le attività culturali e il turismo (2013-2015). Come presidente della Fondazione per il libro, la musica e la cultura, si è occupato delle edizioni 2017 e 2018 del Salone del Libro di Torino. Ha pubblicato il libro Alla voce Cultura. Diario sospeso della mia esperienza di Ministro (Manni 2019).




Maria Vittoria Dell’Anna è Professoressa associata di Linguistica italiana, Università del Salento. Studia l’italiano giuridico e altri linguaggi specialistici e settoriali (politica, istituzioni, ecologia, ambiente). Ha pubblicato, tra gli altri, i volumi Lingua italiana e politica (Carocci, 2010), In nome del popolo italiano. Linguaggio giuridico e lingua della sentenza in Italia (Cesati, 2017), L’italiano e la sostenibilità (Accademia della Crusca, 2023, curato insieme a M. Biffi e R. Gualdo).



Fondazione Treccani Cultura è un Ente del Terzo Settore che realizza progetti e iniziative per promuovere la diffusione della conoscenza e favorire la crescita culturale del Paese. È obiettivo di Treccani Cultura stabilire un collegamento tra la cittadinanza, le associazioni, il mondo culturale, scientifico, imprenditoriale e l’Istituto della Enciclopedia Italiana.


[ in italiano ]


14:30 › 16:30 • Laboratorio › "How cross border collaboration is the new normal for European media: the case of Sphera Network" — Sphera Network • Francia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa] 

Since 2021, Sphera Network is a consortium of 10 European independent media revamping the narrative of our continent. Led by the media NGO Babel International and with partners from France, Italy, Belgium, Spain, Greece, Poland, and Hungary, Sphera Network is producing video and podcasts for young and socially engaged Europeans in 7 languages.

This workshop aims at inspiring European projects experts on crossborder journalism. “Collaboration is the new normal in journalism” and will provide insights on the following:

  • How journalism networks like Sphera improve the coverage of European and crossborder topics

  • How to foster synergies between national actors even if they have limited prior European projects experiences

  • How European collaborations can help independent media to improve their journalism, video skills and overall business sustainability

  • How decentralised networks like Sphera bring impact and engagement to national audiences

  • How to partner with networks like Sphera Network

Francesca Festa: Babel International’s Executive Director and Sphera Network founder. Italian and based in Paris, she has extensive experience in coordinating crossborder projects and will focus on Sphera Network’s values and how this consortium is helping its members to achieve their overall sustainability.

Alexandra Tyan: Reporter and Sphera editorial coordinator. A Russian national based in Bologna, she will focus on the day-to-day editorial coordination of the consortium.


[ in italiano e inglese ]


16:00 › 18:00 • Seminario › "L'Europa per le pari opportunità di genere, territoriali e generazionali: la ricerca del CDS - Centro Ricerche Documentazione e Studi Economici di Ferrara" — CDS • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]   [programma in fase di approvazione]

16:00 › 18:00 • Tavola rotonda › "Povertà educativa, disagio e abbandono scolastico: Erasmus+ e PNRR per l'inclusione del sapere" — CFP Cesta • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]   [programma in fase di approvazione]

“Se si perde loro (i ragazzi più difficili) la scuola non è più scuola. È un ospedale che cura i sani e respinge i malati.” A oltre 50 anni, questa frase di Don Milani è purtroppo ancora attuale. In Italia, quasi 1 milione e 400 mila minori vivono in povertà assoluta e altri 2,2 milioni sono in povertà relativa. Questa povertà economica è strettamente legata alla povertà educativa; insieme creano un circolo vizioso che si alimenta di generazione in generazione, e che impatta, a medio termine, sullo sviluppo e sulle opportunità di inserimento lavorativo dei giovani. Il PNRR, cardine di NextGenerationEU, e il Programma Erasmus+ 2021-2027, rappresentano da questo punto di vista uno dei possibili strumenti di supporto per il mondo della scuola e del terzo settore.


[ in italiano ]



 
VENERDÌ 5 APRILE 2024

10:00 › 13:00 • Convegno › "Giovani generazioni, Competenze, Mercato del lavoro: le nuove proposte dell'Unione Europea per la mobilità delle competenze e dei talenti" — [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

La Commissione Europea ha presentato nel novembre 2023 una serie di nuove iniziative comprese in un pacchetto sulla mobilità delle competenze e dei talenti, destinate a rendere l’UE più attraente per i talenti provenienti da Paesi terzi e a facilitare la mobilità al suo interno.  L’istruzione e la formazione professionale (IFP) rappresenta un elemento fondamentale per preparare le persone, in primo luogo i giovani, al mondo del lavoro. Essa offre agli studenti le competenze essenziali che favoriscono lo sviluppo personale, migliorano le prospettive professionali e incoraggiano la cittadinanza attiva. Stimolano il rendimento delle imprese, la competitività, la ricerca e l'innovazione. 

[ programma in fase di approvazione ]


[ in inglese ]


10:30 › 12:30 • Laboratorio › "Storytelling – Personal Empowerment and Community Development: the Erasmus+ ABLE Platform" — TON • Romania [acquista]

In a very interactive manner, through exercises from Educational Drama, the participants will develop knowledge about the 7 Elements Method, which are essential in writing a successful story. Participants will receive information about the ABLE Platform - created in a European partnership through the Erasmus+ Project A BETTER LIFE and how to use this Platform for working at the community level. The aim of this project is to increase the degree of socio-economic inclusion and personal development (empowerment) of women from rural areas.


Cristina Victoria Chert started her career as a professional actor working for 8 years on theatre stages in Romania and Great Britain (Marlow - Theatre Canterbury). In 1993 he completed a training course in Educational Drama at the Royal Theatre London. Since 2000, she has been active as a coordinator of European projects using art as a means of personal and community development. Currently, she coordinates The Open Network for Community Development Foundation (a Romanian-Flemish Foundation) and develops socio-cultural projects. Being a Nationally certified trainer in adult education (Romania), she approached innovative methods in the process of presenting and conducting international workshops. The theory and knowledge presented are assimilated only through Educational Drama exercises.


[ in english ]


14:00 › 16:00 • Laboratorio › "The Power of Future Narratives" — Traces&Dreams • Svezia [acquista]

Nerina Finetto introduces Future Narratives and its transformative potential for young people. In a rapidly changing world, the ability to envision and shape one's future is vital. Future Narratives is an innovative approach dedicated to introducing young people to the concept of Futures Literacy while enhancing their ability to tell their own stories and deconstruct the narratives which surround them. The central aim of this approach is to empower young people to harness the power of narrative to envision and create their own futures.

FUTURE NARRATIVES began in 2020 with an Erasmus+ co-funded project bringing together youth organisations and young people from 4 countries. They introduced young people, particularly those from less-advantaged backgrounds, to the concept of narrative as a means for understanding their present and shaping better futures. In 2023, FUTURE NARRATIVES 2 was awarded a second period of Erasmus+ funding to develop our approach into a systematised curriculum transferable to youth work and educational settings across Europe.


Nerina Finetto is the Founder and Director of Traces&Dreams, a unique transdisciplinary media agency harnessing the power of narrative for a wiser tomorrow. It focuses on bringing knowledge out of silos and uses it as a strategic asset for cultural transformation, societal change, and collective innovation. It collaborates with international organisations to design and implement innovative projects in culture and education, science communication and dissemination.


[ in english ]


16:00 › 18:00 • Laboratorio › "Tell me a Story" — Manisa Celal Bayar University • Turchia [acquista]

This workshop draws inspiration from Jorge Luis Borges' statement, "The smallest parts of life are stories." Its purpose is to guide participants in discovering how stories are created and brought to life. By combining visual and auditory elements, the workshop invites participants into the enchanting world of creative storytelling. The method has been used in two Erasmus+ Projects IN-ORCHESTRA and ACT-ABLE: Drama education lab for young people with disabilities. The storytelling method helps the participants to tell a story by blending their body, gestures and mimics with visual and auditory elements as well as words. In the final play of both projects, we staged theatrical plays that made use of visual and auditory elements. The workshop consists of three parts:

  • Visual Storytelling: Narrating Stories through images

  • Music and Rhythm: Syncing Beats with narratives; Establishing Connections through music

  • Experience Sharing: Practical application of acquired skills and a session for participants to share their experiences.


Meral Özçınar obtained her bachelor's, master's, and doctoral degrees in the field of Cinema and Television at the Faculty of Fine Arts. She worked as a scriptwriter at the national television channel TRT. Engaging in theatre projects with various groups facing physical and mental challenges, she conducted workshops on storytelling at Syros Summer School. She served as a partner coordinator in projects such as Learning Positive Discipline, In-Orchestra, and Act-Able (Erasmus+). In 2022, she earned the title of Professor. Currently, she is head of the Radio, Television, and Cinema Department at Manisa Celal Bayar University.


[ in english ]


10:30 › 12:30 • Laboratorio › "Innovation Session: the Erasmus+ Project Move Beyond"MAISTRO Company • Paesi Bassi [acquista]

The Innovation Session as part of Erasmus+ Project MOVE BEYOND focuses on specific challenges or problems that need creative solutions. The methodology is based on principles from design thinking, creative problem solving, Scrum and agile methodologies. A key component of the Innovation Session is to show that the problem is not so much in coming up with new ideas, but rather in how to let go of old thinking patterns. The workshop consists of two parts and lasts two hours:

Part A.  Presentation on the Innovation Session method

1. Agreements on participants, conditions, and process of an Innovation Session

2. The three phases of the Innovation Session:

  • The start-up where the problem/challenge is defined, 

  • The divergent phase whereas many ideas as possible are generated using various techniques such as Associative Thinking, 

  • The convergent phase where the best ideas or solutions from the divergent phase are selected, analysed, and refined with the so-called COCD box. It is the phase where you make choices and focus on the options you see the most opportunities in. 

Part B.   Practical elaboration of an Innovation Session with the participants.


Carl De Meester worked for twenty-two years at Weener XL, the Work & Development Company of the municipality of 's-Hertogenbosch (in the Netherlands). During this period, he held various positions as case manager, team manager, programme manager Youth Approach and project manager International Projects participating in several ESF and Erasmus+ projects as both a coordinator and a partner. As innovator he supervises innovation processes to help groups in finding and realizing ideas and solutions for specific issues and to experience innovative ways of working together, based on principles such as creative problem solving and design thinking. He started in 2023 his company MAISTRO Project management, Consulting & Coaching. He is also a visual artist and co-owner of Argile ceramic studio.


[ in english ]


14:00 › 16:00 • Laboratorio › "European Project Erasmus+ ΚΑ1: Learning Mobility Opportunities" — SISERA • Grecia [acquista]

This workshop is focused on the exploration of the Erasmus+ Key Action 1 (KA1) program. The session will provide practical insights into optimizing learning mobility for students, educators, and adult learners. Emphasis will be placed on cross-cultural exchange and the tangible benefits of different types of funded mobility activities. Attendees can expect valuable advice on KA1 opportunities, along with effective application strategies and project implementation tips. The workshop will foster a professional discussion on the program's contribution to personal and professional development, diversity promotion, and the enhancement of global collaboration in education. It invites stakeholders and organizations to engage in this collaborative dialogue aimed at advancing EU projects.


Dimitra Xesfigkouli, co-founder and project manager of SISERA Greece, is a highly accomplished primary and preschool educator with 23 years of experience in Greek education. Holding dual honors bachelor's degrees, a Master's in "Administration and Management in Education," and a PhD in Primary Education from the University of Thessaly, she excels in areas such as Intercultural Education, Adult Education, e-learning, and ICT database development. Her impactful contributions to EU projects as a promoter and coordinator alongside numerous publications underscore her commitment to advancing educational goals.


Charalampos Georgantzas, co-founder and head of SISERA Greece, is an applied mathematician with 7+ years of experience. A dedicated researcher and EU project expert, he excels in statistical research, project management, and educational innovation. Fluent in English and Spanish, Charalampos actively contributes to youth programs, emphasizing inclusivity and sustainability. Expertise includes ICT, programming, and a robust background in EU projects, making him a versatile leader committed to advancing sustainable practices.


[ in english ]


16:00 › 18:00 • Laboratorio › "Freedom speech vs. hate speech: Citizens' awareness and transformation tools" — Federación Andalucía Acoge • Spagna [acquista]

“OWO. Defending the space of coexistence” is a project of the Federación Andalucia Acoge. The scope is to prevent hate speech and hate crimes, as well as to attend to possible victims. It is funded by the Ministry of Inclusion, Social Security and Migration, through the Directorate General for Inclusion and Humanitarian Attention, and co-financed by the Asylum, Migration and Integration Fund (AMIF).

OWO aims to involve people for promoting citizenship’s values, as well as to counter and prevent a mentality based on racism and hate speech. Based on the experience and work developed by the OWO initiative, the key concepts and approaches that determine hate speech, the dynamics of hate, and the construction of measures and discourses that create a reality of union and coexistence will be analysed. Key information will be provided, and participatory group activities of reflection and collaborative analysis will be promoted during the session.


Alicia Ocon Fernandez · Social Worker with more than 20 years of work experience in social organisation and management of social projects. Deep experience in employment support, social research, training contents, awareness raising and management of groups and teams. She is currently the European Project Manager at the Federación Andalucía Acoge.

Natalia Italiano · She has experience in the European Project field as project coordinator and writer. She is in charge of EU projects’ planning and evaluation, partners search and networking, Erasmus+ mobilities and strategic partnerships. She is a native Italian speaker, and she is fluent in Spanish, English, and French. She is currently the manager of the OWO Project at the Federación Andalucia Acoge.


[ in english ]


10:00 › 14:00 • Laboratorio › "Immaginare i futuri possibili" — Edulia dal Sapere Treccani • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

Tutti noi pensiamo al futuro, ma non sempre lo facciamo in modo corretto. Questo percorso permetterà a studentesse e studenti di approcciarsi alla Futures Literacy e di sviluppare conoscenze e competenze utili a esplorare con maggiore consapevolezza i futuri possibili, a partire dai segnali del presente. Dopo un’introduzione sugli studi di futuro, ragazze e ragazzi saranno portati “a caccia di segnali”: impareranno a individuare i segnali deboli che il presente ci offre e a riflettere sui cambiamenti che potrebbe portare nel domani. Inoltre, immagineranno gli abitanti di questi futuri: chi sono? Quali sono le loro abitudini, le paure, le loro ambizioni? Un ottimo esercizio per immaginare anche il proprio futuro personale, per orientarsi e fare scelte più consapevoli nel presente. 


Thomas Ducato · Giornalista pubblicista ed esperto di progettazione formativa, Thomas Ducato è Senior Content e Project Manager di Edulia, azienda del Gruppo dell'Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani che si occupa di sviluppare contenuti e strumenti digitali per il mondo dell'educazione. In particolare, si occupa di realizzare e seguire progetti educativi e formativi rivolti sia a giovani adulti e professionisti sia alla comunità educante. Dal 2018 si occupa di Future Studies e Foresight, realizzando attività di formazione con docenti, studenti e aziende.


Edulia dal Sapere Treccani è il nuovo polo edutech dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana che fornisce contenuti e strumenti digitali per l’educazione. Edulia Treccani Scuola è la linea di Edulia che opera nel mondo della formazione e dell’educazione scolastica dal 2017 (con marchio Treccani Scuola). Offre contenuti di qualità e strumenti flessibili ed efficaci per contribuire attivamente alla costruzione della scuola di domani, a partire dalle esigenze di studentesse e studenti e dei loro docenti.


[ in italiano ]


14:00 › 16:00 • Seminario › "A Fascinating Journey Through Centuries: Clown from Origin to Contemporary Healthcare Clown Development" — Soccorso Clown • Italia / Charitable Foundation POMOGAEM • Ucraina [acquista]

Embark on a captivating exploration of the Clown's evolution, tracing it to the emergence of Healthcare Clown, a unique performing arts profession enhancing healthcare services. This workshop offers a concise PowerPoint presentation and videos, providing a historical perspective on Clown's journey and the birth of Healthcare Clown, catering to diverse healthcare communities. Explore Soccorso Clown's Professional Method, detailed in Vladimir Olshansky's book, "The Search For Identity," unraveling the organization's unique approach. Gain insights from video presentations and unveil Soccorso Clown's intervention models for Healthcare Clowns. Witness Healthcare Clowns' expansive applications, from assisting disabled children to supporting hospital staff during crises. A special segment shares the experiences of Ukrainian Healthcare Clowns during the Russian invasion. Projects like BOOP and Doctor CLOWN Dnipro and the European Federation of Healthcare Clown Organizations (EFHCO) are highlighted, along with initiatives like Erasmus + Healthcare Clown pathways and the Virtual Healthcare Clown (VHC) project. The ultimate goal? Integrating Healthcare Clown services into global healthcare systems, with success stories in the Balearic Islands paving the way for future developments. Join this enthralling journey, uncovering the transformative potential of Healthcare Clown in enriching healthcare services worldwide.


Yury Olshansky (alias "Dottor Maisbaglia")  is a CEO, co-founder, trainer and supervisor healthcare Clown of Soccorso Clown, Italy. An actor and author, he holds an MFA from the New York University. He is a co-founder of the European Federation of Healthcare Clown Organizations (EFHCO) with 22 members of the 15 EU countries, where he served for years as the member of Board of Directors.


Olga Bulkina was born in 1990 and raised in Kyiv in an actors family. She studied at the University of Culture at the Faculty of Journalism. She worked as a director and editor on television for 16 years. In 2020, she completed a course at the Soccorso Clown organization and also began working as a healthcare clown in children's oncology departments. With the beginning of the full-scale invasion of Russia in February 2024 - she stayed in the hospital next to the children and provided emotional support to the children, parents and medical staff.Together with Marina  Berdar, Olga created the BOOP organization (Bureau of smiles and support) and also her own school of hospital clowning. Currently,  BOOP works in hospitals of Kyiv and Kyiv region, and is also engaged in the development of the profession of a Healthcare Clown in Ukraine.

 

Marina Berdar was born in 1986 in Belarus, but lives most of her life in Ukraine. As a child, she studied in children's theater and art school. She studied at the Institute of Shipbuilding and received a degree in economics and engineering. She worked in the pharmaceutical field for a long time. Marina is Certified Healthcare Clown, trained by the Italian organization Soccorso Clown. Together with Olga Bulkina, she created the Healthcare Clown project “BOOP: Bureau of Smiles and Support.” at the largest children's hospital in Kyiv, “Ohmatdyt, where she presently works, from the begging  of the full-scale Russian invasion, with children effected by various degrees of injury, victims of war.


Jan Tomasz Rogala, born on 06.04.1967 in Poland, is a Certified Healthcare Clown trained by Soccorso Clown. Engaging in humanitarian work for years in Poland, Sweden, and Latvia, he worked in Mikolayev, Ukraine (2004-2006) as a healthcare clown and coordinator of charity events. In Dnipro, Ukraine (2007-2022), Jan founded and managed NGOs, worked as a healthcare clown, coordinated charity events, and instructed healthcare clown training. Amidst the Russian military aggression (2022-2024), he played a crucial role in evacuations, worked as a clown with internally displaced persons (IDPs) in refugee shelters, and provided humanitarian aid in Dnipro, Kherson, Kharkiv, and the Donbas area.


[ in english ]


11:00 › 13:00 • Laboratorio › "Cultura digitale per una cittadinanza europea attiva e consapevole" — Edulia dal Sapere Treccani • Italia [acquista]

L'Unione Europea promuove lo sviluppo di un ecosistema europeo dell'istruzione digitale altamente efficiente e cerca di migliorare le competenze e abilità dei cittadini in vista della transizione digitale. In particolare, il Programma Erasmus+ presta particolare attenzione all'uso mirato delle tecnologie digitali nei campi dell'istruzione, della formazione, della gioventù, promuovendo una pedagogia digitale, lo sviluppo di competenze nell'uso degli strumenti digitali per gli insegnanti, l’utilizzo di tecnologie accessibili e assistive, la creazione e l'uso innovativo di contenuti educativi digitali. Nel contempo, proprio il mondo della scuola evidenzia con sempre maggiore forza come l’utilizzo degli strumenti digitali porti a fenomeni crescenti di fake news e di cyberbullismo tra gli studenti.

Per approfondire tali tematiche e fornire metodi e strumenti operativi, EDULIA propone un laboratorio rivolto agli insegnanti delle scuole di primo e secondo grado.


Alberto Laratro è Content Manager per EDULIA e divulgatore scientifico. Con un master in comunicazione della scienza presso la SISSA di Trieste, si occupa di formazione su temi STEM, in particolare per tutto ciò che riguarda il digitale, le tecnologie esponenziali, i traguardi della scienza e l'esplorazione spaziale. Appassionato di stampa 3D, droni, fantascienza e fotografia.


Edulia dal Sapere Treccani è il nuovo polo edutech dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana che fornisce contenuti e strumenti digitali per l’educazione. Edulia Treccani Scuola è la linea di Edulia che opera nel mondo della formazione e dell’educazione scolastica dal 2017 (con marchio Treccani Scuola). Offre contenuti di qualità e strumenti flessibili ed efficaci per contribuire attivamente alla costruzione della scuola di domani, a partire dalle esigenze di studentesse e studenti e dei loro docenti.


[ in italiano ]


14:00 › 16:00 • Seminario › "Esagramma: l’orchestra inclusiva che apre al dialogo e alla relazione" — Fondazione Sequeri Esagramma • Italia [acquista]

L’orchestra è un luogo speciale di elaborazione della risonanza e di modulazione delle dimensioni personali. Nell’orchestra si possono lavorare le dimensioni affettive con immediatezza e complessità crescenti. L’intervento presenta i modelli di ricerca-azione di Esagramma® e i percorsi educativi e riabilitati che negli anni hanno saputo coinvolgere e formare: bambini e adulti con fragilità intellettiva e autismo,  studenti delle scuole di ogni ordine e grado e  professionisti di  ambito educativo, musicale e clinico. I risultati ottenuti sono stati apprezzati a livello nazionale e internazionale, in contesti e istituzioni artistici e accademici prestigiosi, nel contesto di progettualità europee (come ad esempio il Progetto Erasmus+ IN-ORCHESTRA, il Parlamento Europeo, la Georgetown University di Washington D.C.). 


Prof. Licia Sbattella, PhD · Politecnico di Milano, Fondazione Sequeri Esagramma — Bioingegnere, musicista e psicoterapeuta. Professore del Politecnico di Milano e Delegata della Rettrice per il sostegno psicologico,  è membro esperto del Comitato di Programma del G3ict (A Flagship Advocacy Initiative of the United Nations), dell’International Association of Universities e della Pontificia Accademia per la Vita. È Fondatore e Direttore Scientifico, della Fondazione Sequeri Esagramma e dell’omonimo centro nato nel 1983. Dal 1998 al 2018 ha diretto l’Orchestra Sinfonica Esagramma in importanti contesti nazionali e internazionali. Per l’attività di ricerca-azione con la Fondazione Sequeri Esagramma ha ricevuto importanti premi e riconoscimenti nazionali e internazionali. È autrice di oltre 150 pubblicazioni specialistiche.


[ in italiano ]



 
SABATO 6 APRILE 2024

10:00 › 13:00 • Convegno › "I finanziamenti europei per lo sviluppo sostenibile dei sistemi territoriali: esperienze regionali a confronto"Regione Emilia Romagna / Regione Veneto • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

La Cooperazione territoriale europea (CTE) rientra fra gli strumenti previsti dall’Unione Europea per rafforzare la coesione economica e sociale e ridurre il divario tra le varie regioni. Grazie alla CTE, territori e regioni di tutta Europa cooperano per trovare soluzioni strutturali comuni alle grandi sfide dello sviluppo economico e sociale; dell’innovazione tecnologica e della resilienza ambientale; della mobilità tra regioni e dello sviluppo urbano sostenibile.

La Regione Emilia-Romagna e la Regione Veneto sono le autorità di gestione a livello europeo di due importantissimi Programmi: rispettivamente IPA-ADRION che coinvolge 10 Paesi dell’area adriatico-ionica (Italia, Slovenia, Croazia, Grecia, con Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia, e Repubblica di San Marino) e ITALIA-CROAZIA.

Per conoscere meglio queste linee di finanziamento, i progetti e le attività che le regioni europee stanno conducendo insieme, i loro impatti sui territori locali, ne parlano:

Alessandro Balboni – Assessore ai Progetti Europei del Comune di Ferrara

Francesco Raphael Frieri – Direttore Generale alle Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni della Regione Emilia-Romagna (in attesa di conferma)

Caterina Brancaleoni – Dirigente del Settore Coordinamento delle Politiche Europee, Programmazione, Riordino Istituzionale e Sviluppo Territoriale, Partecipazione, Cooperazione e Valutazione della Regione Emilia-Romagna

Lodovico Gherardi – Autorità di Gestione del Programma di cooperazione territoriale europea transnazionale IPA-Adrion (in attesa di conferma)

Rita Bertocco – Autorità di Gestione del Programma di Cooperazione transfrontaliera marittima Italia-Croazia

Alessio Stabellini – Dirigente del Settore Ambiente e Agricoltura del Comune di Ferrara: Presentazione del Progetto Italia-Croazia: “CAMPUS - Climate Adaptation Plans for UNESCO Sites”


[ in italiano ]


14:30 › 16:30 • Seminario › "I progetti sul territorio con i fondi della Cooperazione Territoriale Europea" — Comune di Ferrara • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

Le Amministrazioni locali, attraverso i propri Uffici, hanno il compito di intercettare le risorse che l’Unione Europea destina direttamente agli enti locali: sia attraverso i programmi a gestione diretta sia quelli a gestione indiretta e, più recentemente grazie alla sfida del PNRR con il Programma di interventi NextGenerationEU, è sempre più importante cogliere le opportunità di finanziamento.

In particolare, attraverso i Programmi di Cooperazione Territoriale Europea (CTE) si attua uno dei due obiettivi della Politica di Coesione per promuovere la collaborazione tra i territori dei diversi Stati membri dell’UE mediante la realizzazione di azioni congiunte, scambi di esperienze e costruzione di reti tra attori nazionali, regionali e locali.

Attraverso un approccio strategico, il lavoro degli Uffici che si occupano di sviluppare Progetti Europei è volto a utilizzare in maniera concreta le opportunità di finanziamento e contribuisce a creare occasioni di stimolo e promozione dello sviluppo socio-economico del territorio, favorendo la crescita di nuove relazioni internazionali e sfrutta al meglio quelle esistenti.

I Progetti che vengono finanziati hanno una effettiva ricaduta sui territori e producono impatti significativi in molteplici ambiti. Possiamo, pertanto, riflettere sul valore pubblico che i progetti europei e le opportunità di finanziamento colte generano. Per approfondire casi di successo della CTE, intervengono:

• Alessandro Balboni – Assessore ai Progetti Europei del Comune di Ferrara

• Ginetta Nazzi – Project Officer del National Contact Point del Programma INTERREG Europe presso la Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia - Presidenza della Giunta - Direzione Generale - Servizio Relazioni internazionali e programmazione europea (in attesa di conferma)

• Irina Rotaru – Project Officer dell’URBACT Join Secretariat (in attesa di conferma)

• Alessandra Piganti – Responsabile Ufficio Progetti Europei del Comune di Ferrara: Il Progetto "Jewels Tour: Il patrimonio ebraico come leva del turismo sostenibile"

• Erica Bisetto – Referente Ufficio Progetti Europei del Comune di Ferrara: Il Progetto “S.M.ALL: Sharing urban solutions towards Sustainable Mobility for ALL”

• Iuri Bruni – Servizio Progetti Internazionali, Ricerca Finanziamenti – Comune di Siena

• Elena Giovannini – Servizio progetti integrati comunali, nazionali ed europei - Comune di Cesena


[ in italiano ]


10:30 › 12:00 • Seminario › "Ex Teatro Verdi - Laboratorio Aperto Ferrara: una buona prassi europea" — Comune di Ferrara • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

Il Festival della Progettazione Europea si tiene nell’ex Teatro Verdi, un luogo ricco di storia e di memoria per Ferrara, e, nel contempo, uno degli esempi virtuosi di utilizzo dei Fondi europei a favore della comunità.

Il fu Teatro Verdi, inaugurato nel 1857 come teatro popolare, e dedicato a Giuseppe Verdi nel 1913, è stato infatti uno dei teatri popolari più amati dai cittadini ferraresi fino al secondo dopoguerra. Poi, iniziò un declino, che portò alla sua chiusura nel 1985.

Nel gennaio del 1999 il teatro fu acquistato dal Comune di Ferrara: grazie a un progetto di rigenerazione urbana cofinanziato dal FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2014-2020, il teatro è ritornato a nuova vita, diventando uno dei Laboratori Aperti dell’Emilia-Romagna, luogo di innovazione e scambio di conoscenze aperto ai cittadini.

Di questo progetto di successo, della sua storia, delle sue attività come centro di innovazione culturale, ne parlano:

Alessandro Balboni – Assessore ai Progetti Europei del Comune di Ferrara

Fabio Sgaragli – Amministratore Unico Open Lab S.r.l.

Diego Teloni – Advisory Board Open Lab S.r.l.

Sandro Mazzatorta – Direttore Generale del Comune di Ferrara

Marco Antonio Rizzo – Responsabile del Laboratorio Aperto Ferrara


[ in italiano ]


14:30 › 16:30 • Seminario › "Il patrimonio culturale e la creatività come motore di sviluppo dei centri urbani di piccole e medie dimensioni" — Regione Umbria / Università degli Studi di Perugia • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

I settori culturali e creativi sono sempre più strategici in Europa: la politica culturale dell'Unione Europea rappresenta il perimetro nel quale strategie e indirizzi più ampi prendono forma, mentre le risorse finanziarie europee permettono la realizzazione concreta delle iniziative.

Approcci regionali e locali innovativi dimostrano come la cultura sia sempre più spesso - anche per i centri urbani di piccole e medie dimensioni - la leva per processi di crescita sostenibile, collegando tra loro i temi del patrimonio culturale, dell'inclusione sociale e dello sviluppo territoriale. Parleranno di questi aspetti, portando le loro esperienze concrete:

[relatore da confermare] – Regione Umbria

Diletta Paoletti – Coordinatrice del Master in Progettazione europea per la cultura e la creatività dell'Università degli Studi di Perugia


[ in italiano ]


16:00 › 18:00 • Seminario › "Ridisegnare il futuro delle città: le Agende trasformative urbane per lo sviluppo sostenibile" — Comune di Ferrara • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]

Gli enti locali sono un attore fondamentale nell’utilizzo efficiente ed efficace dei Fondi europei in quanto permettono un legame con il territorio e le comunità locali favorendo progetti ed interventi mirati.

Nell’attuale programmazione europea 2021-2027 le Agende trasformative urbane per lo sviluppo sostenibile (ATUSS) sono uno degli strumenti di programmazione territoriale individuati dalla Regione Emilia-Romagna per raggiungere gli obiettivi del Patto per il Lavoro e il Clima e dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Le ATUSS sono finanziate grazie al Fondo sociale europeo+ (FSE+) e al Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), due dei grandi strumenti della politica di coesione europea: si tratta di 10 milioni di euro per cambiare il profilo delle città, renderle più verdi e digitali, più vivibili e aperte, più inclusive e sostenibili.

Per conoscere meglio queste linee di finanziamento, i progetti e le attività dei comuni emiliano-romagnoli, ne parlano:

Alessandro Balboni – Assessore ai Progetti Europei del Comune di Ferrara

Caterina Brancaleoni – Dirigente del Settore Coordinamento delle Politiche Europee, Programmazione, Riordino Istituzionale e Sviluppo Territoriale, Partecipazione, Cooperazione e Valutazione della Regione Emilia-Romagna

Daniela Ferrara – Dirigente Settore Fondi comunitari e nazionali della Regione Emilia-Romagna

Alessandra Pedrielli – Capo di Gabinetto del Sindaco del Comune di Ferrara

Alessandra Piganti – Responsabile Ufficio Progetti Europei del Comune di Ferrara

Elena Giovannini – Servizio Progetti integrati comunali, nazionali ed europei del Comune di Cesena

Francesco Brianzi – Assessore ai Progetti Europei del Comune di Piacenza


[ in italiano ]


18:00 › 19:30 • Incontro con la musica › "Le parole delle canzoni: una playlist per l'Europa" — Fondazione Treccani Cultura • Italia [compreso nella quota di partecipazione › partecipa]   [ programma in fase di approvazione ]

482 visualizzazioni

FAIR

FEST

FOOD

bottom of page